Riapre Baubeach, la prima spiaggia per cani d’Italia

ROMA
Nel mese di maggio è prevista la riapertura di Baubeach, la prima spiaggia per cani d’Italia, dove sono vietati i guinzagli. Nata nel 1998 era stata riavviata la scorsa stagione dopo qualche anno di chiusura.

Patrocinata quest’ anno dal ministero del Turismo, dal Consiglio Regionale del Lazio e dalla Provincia di Roma, Baubeach occuperà un’area di 7000 metri quadri a Maccarese, sulla costa a nord di Roma.

«Quest’anno l’intento è quello di arricchire il servizio offerto e anche le proposte – riferisce Baubeach – perché il titolo di Spiaggia da Oscar, conferita dalla rivista spiagge d’ Italia presso la Fiera balnearia di marina di Carrara lo scorso inverno, sia meritato davvero».

Oltre a provvedere agli allacci idrici ed elettrici primari, la spiaggia verrà arredata con strutture in legno, biocompatibili ed amovibili, che creeranno pedane di passaggio, una piccolissima ma efficiente Zona Ristoro, il “Bio Riad” – organizzata con un servizio di biocatering biologico, alcune volte etnico, con piatti freddi, gelati, caffé e birra – all’ interno della tenda Berbera che ospiterà la Reception e numerose aree di ristoro. Saranno inoltre presenti erogatori di bustine in tutta l’area e verrà attivato un servizio dedicato all’igiene e alla Bau Beauty con doccette, erogatori shampoo-balsamo biocompatibili e asciugamani.

Pochi ma essenziali saranno i requisiti per accedere a questa spiaggia: i cani non dovranno essere aggressivi e generalmente non tenuti al guinzaglio; non saranno accettate le femmine in periodo estrale e sarà richiesto il libretto sanitario del cane per il controllo delle vaccinazioni; non potranno entrare i cuccioli minori di tre mesi e l’animale dovrà essere in regola con l’iscrizione all’anagrafe canina (tatuaggio o microchip). Se così non fosse, Baubeach metterà a disposizione il veterinario di riferimento locale per provvedere.

L’associazione Baubeach promuove inoltre la campagna contro l’ abbandono dei cani ed offrirà all’interno del suo spazio l’ ospitalità ad Associazioni che da anni si occupano di adozioni.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *